PNRR: ecco gli interventi del pacchetto sisma da 1,78 miliardi

 

Foto di ThisIsEngineering da PexelsIl Commissario al sisma ha pubblicato il Programma unitario degli interventi che saranno realizzati grazie alla dote di 1,78 miliardi del Fondo complementare al PNRR. Si tratta di 8 progetti specifici, inclusi bandi per le imprese e fondi per la rigenerazione urbana.

I fondi del PNRR per ZES, aree interne e sisma

Aumentano le informazioni sugli interventi che verranno realizzati nei due crateri dei terremoti 2009 e 2016 grazie al PNRR. A distanza di circa 20 giorni dall'approvazione del Programma da parte della Cabina di Coordinamento integrata per il sisma, infatti, sul sito del Commissario straordinario al sisma è apparso il testo con i dettagli delle misure.

Due le linee di intervento previste: la Macro Misura A “Città e paesi sicuri, sostenibili e connessi”, destinata a rimettere in piedi borghi e servizi e che si porta a casa la fetta maggiore di fondi. E la Macro Misura B “Rilancio economico e sociale”, che con i suoi 700 milioni di euro punta invece a mettere in campo interventi per imprese ed ecosistemi produttivi.

Si tratta - specificano dagli uffici del Commissario al sisma - di risorse “aggiuntive rispetto a quelle trasversali previste dai progetti nazionali del PNRR e complementari rispetto a quelle già stanziate per la ricostruzione pubblica e privata”.

Fondo complementare PNRR sisma: 1,08 miliardi per borghi e servizi

Molto ampia la varietà di progetti che saranno realizzati nell’ambito della prima Linea di intervento (Città e paesi sicuri, sostenibili e connessi). 

Di digitale si occupa ad esempio la prima sottomisura “Innovazione Digitale” che con i suoi 185 milioni di euro mira a diffondere nuove modalità di connessione digitale, grazie anche alla banda larga e alla rete 5G (già in corso di realizzazione con altri fondi), e a supportare dal punto di vista informatico la gestione integrata ambientale degli spazi pubblici della città.

Di energia si occupa invece il secondo intervento dal titolo “Comunità energetiche, recupero, rifunzionalizzazione edifici pubblici e produzione energia/calore da fonti rinnovabili”. Con 235 milioni di euro, infatti, questa seconda sottomisura permette di ammodernare e rendere conformi ai nuovi standard sismico-energetici sia edifici pubblici che edifici di proprietà dello Stato e gestiti dal Demanio. Con i fondi però saranno realizzati anche sistemi centralizzati di produzione e distribuzione intelligente di energia e/o calore da fonti rinnovabili, nonché la creazione di comunità energetiche locali volte alla condivisione di energia elettrica da fonti pulite.

Per la rigenerazione urbana sono invece stanziati 325 milioni di euro, con cui saranno realizzati interventi innovativi di riqualificazione integrata degli spazi aperti e degli edifici pubblici. 

Infine, per le “Infrastrutture e la mobilità” il piano stanzia 335 milioni di euro con cui si interverrà sia sul parco mezzi (i bus ad esempio) sia sulle infrastrutture vere e proprie come le strade che collegano i borghi.

I contributi per le imprese nelle zone terremotate

Anche la seconda Linea di intervento “Rilancio economico e sociale” è articolata in quattro sottomisure. 

La prima (e la più ricca, con i suoi 380 milioni) prevede il “sostegno agli investimenti” in conto capitale in tutti i settori (inclusa l’agricoltura) e mira a supportare sia l’avvio di nuove imprese, sia il rafforzamento di quelle esistenti. In particolare:

  • 60 milioni serviranno per circa 6 iniziative a carattere strategico caratterizzate da investimenti di rilevante dimensione (anche se lo strumento è strutturato in modo che sia accessibile anche alle PMI nella forma di filiere produttive e partenariati di diversa natura);
  • 100 milioni potranno poi sostenere 40 iniziative di investimento di dimensione intermedia;
  • 20 milioni sono destinati a investimenti diretti nelle PMI tramite un Fondo gestito da Invitalia in modo da supportare la crescita dimensionale delle imprese (poco più di 10 interventi stimati).

Il resto delle risorse andrà invece a coprire una serie di interventi, raggruppabili in tre indirizzi: 

  • 60 milioni per circa 150 interventi per nascita, sviluppo e consolidamento di iniziative imprenditoriali
  • 100 milioni per oltre 600 interventi di innovazione diffusa; 
  • 40 milioni per oltre 1000 iniziative di rientro di attività economiche.

In linea generale, “il supporto agli investimenti va sempre inteso come una percentuale delle spese ammissibili, variabile a seconda della misura ma mai inferiore al 40% (esclusi gli interventi nel capitale di rischio delle PMI che non può superare il 50% dell’operazione di investimento sottostante)”, specificano dagli uffici del Commissario.

La seconda sottomisura “Cultura, turismo, sport ed inclusione” si porta invece a casa 180 milioni destinati a tre classi di beneficiari: imprese private, terzo settore ed enti pubblici. Tre gli ambiti di applicazione previsti:

  • Interventi per lo sviluppo delle imprese culturali, turistiche, sportive, anche del terzo settore, attraverso forme di sostegno a progetti di investimento e progetti collaborativi di innovazione.
  • Contributi destinati a soggetti pubblici per lo sviluppo delle attività culturali, sportive e per l’innovazione dell'offerta turistica.
  • Interventi per l’inclusione e innovazione sociale ed il rilancio abitativo, rivolti ad enti locali, imprese sociali, terzo settore e cooperative di comunità.

Per la “valorizzazione ambientale, l’economia circolare, l’ambiente e il ciclo delle macerie”, invece, il Piano stanzia 60 milioni di euro. I fondi saranno usati per la realizzazione di piattaforme di raccolta e trasformazione delle risorse naturali locali e per aumentare l’efficienza del processo di smaltimento e riutilizzo del ciclo delle macerie.

Infine 80 milioni di euro andranno ai Centri di ricerca per l’innovazione. L'obiettivo è infatti la realizzazione di un “Centro di ricerca per le tecniche della ricostruzione” e di ulteriori centri di ricerca regionali per il trasferimento tecnologico e per la specializzazione delle competenze legate alle vocazioni produttive ed economiche locali.

Il cronoprogramma delle misure per il sisma

Anche se le risorse sono in realtà quelle del Fondo Complementare (che non è sottoposto alle stesse deadline del PNRR finanziato dai fondi UE), la scadenza per il programma di interventi è comunque quella del 2026.

Tra le prossime deadline, figurano quelle di dicembre 2021. Entro la fine dell’anno, infatti, la Cabina di coordinamento dovrà individuare gli interventi per entrambe le Linee di intervento e, laddove necessario, le stazioni appaltanti chiamate a intervenire.

Come procede la ricostruzione sisma 2016?

Se il cronoprogramma del PNRR e del Fondo complementare sul sisma verrà rispettato, sarà comunque anche grazie al lavoro fatto negli ultimi anni per fluidificare le procedure che governano la ricostruzione.

La fotografia dello stato dell’arte è emersa il 16 agosto 2021, in occasione del quinto anniversario dal terremoto di Amatrice. In quell’occasione infatti il Commissario ha pubblicato il rapporto sulla ricostruzione da cui è emerso come “la semplificazione e le nuove procedure, in primis l’Ordinanza 100 e l’introduzione dei Programmi Straordinari di Ricostruzione, hanno di fatto sbloccato una situazione di stallo. Nell’ultimo anno infatti sono state presentate un terzo delle richieste di contributo complessive, ed approvate la metà delle domande, con la concessione di 2,7 miliardi di euro, con un’accelerazione che si è accentuata nel 2021”.

Continuando a parlare di numeri, emerge che “le domande di contributo per la riparazione o la ricostruzione degli immobili danneggiati dal sisma 2016 sono cresciute oltre quota 20 mila e riguardano 52 mila unità immobiliari di tipo residenziale e 1.150 immobili produttivi. L’importo richiesto dai cittadini è di 5,4 miliardi di euro. Le richieste approvate, oltre 10 mila, sono cresciute molto velocemente nell’ultimo anno, ed in particolare nei primi sei mesi del 2021, nel corso dei quali sono stati approvate 3.300 richieste di contributo e completati oltre 1.100 cantieri. Dall’avvio della ricostruzione sono stati ultimati 5 mila interventi su edifici, con 12 mila unità residenziali completate, e in corso i lavori in altri 5 mila cantieri, per 13 mila ulteriori abitazioni”.

Anche sul fronte della ricostruzione pubblica le cose sembrano andare meglio. Nei primi sei mesi del 2021, infatti, “gli interventi hanno registrato un sostanziale avanzamento”, con la spesa che in questo periodo è stata di 144 milioni di euro, mentre nell’intero 2020 fu di 62 milioni di euro”.

Consulta il rapporto sulla ricostruzione sisma 2016, aggiornato a giugno 2021

Consulta il Programma Unitario degli Interventi PNRR sisma

Foto di ThisIsEngineering da Pexels

Per leggere il contenuto prego
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.