DL 145-2013: con DM 5 giugno 2014 Fondo Garanzia PMI anche per sottoscrizione di minibond

 

EuroCon la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto ministeriale del 5 giugno 2014 diventa operativa l'estensione degli interventi del Fondo di garanzia per le PMI alle operazioni di sottoscrizione di obbligazioni o titoli similari emessi da piccole e medie imprese (mini bond), prevista dal decreto-legge n. 145/2013.

Possono richiedere la garanzia diretta del Fondo, le banche, gli intermediari finanziari e i gestori:

  • a) a fronte di singole operazioni di sottoscrizione di mini bond, oppure
  • b) su portafogli di mini bond.

Le operazioni di sottoscrizione devono riguardare mini bond :

  • finalizzati al finanziamento dell'attività d'impresa;
  • che non abbiano ad oggetto la sostituzione di linee di credito già erogate al beneficiario finale;
  • con date di sottoscrizione e di messa a disposizione delle somme al beneficiario finale successive alla data della delibera del Consiglio di gestione di accoglimento della richiesta di garanzia del Fondo;
  • con durata compresa tra 36 e 120 mesi;
  • non assistite da altre garanzie, reali o assicurative, per la quota coperta dalla garanzia del Fondo.

Il Fondo può concedere le garanzie fino al raggiungimento di un ammontare massimo di risorse impegnate pari a 50 milioni di euro, da ripartirsi per il 40% per le garanzie per singole operazioni di sottoscrizione di mini bond e per il 60% per le garanzie su portafogli di mini bond.

Garanzia su singola operazione di sottoscrizione di mini bond

La garanzia del Fondo può essere concessa a fronte della singola operazione di sottoscrizione di mini bond:

  • fino al 50% del valore nominale del mini bond sottoscritto, nel caso in cui la stessa preveda un rimborso a rate sulla base di un piano di ammortamento (amortising mini bond);
  • fino al 30% del valore nominale del mini bond sottoscritto, nel caso in cui la stessa preveda il rimborso unico a scadenza (bullet mini bond).

L'importo massimo garantibile dal Fondo per singolo soggetto beneficiario finale è pari a 1,5 milioni di euro.

Garanzie su portafogli di mini bond

La garanzia del Fondo può essere concessa anche a fronte di portafogli di minibond a condizione che le singole operazioni siano, ciascuna, di importo non superiore al 3% del valore nominale complessivo dei titoli che li compongono.

Il valore nominale complessivo dei titoli che compongono il portafoglio, ai fini dell'accesso alla garanzia del Fondo, non può essere:

  • inferiore a 50 milioni di euro;
  • superiore a 300 milioni di euro.

La copertura del Fondo non può essere superiore all'80% della tranche junior del portafoglio di mini bond e, in ogni caso, non può eccedere l'8% del valore nominale complessivo dei titoli. Tale misura può essere elevata nel caso in cui l'innalzamento della copertura sia finanziato con risorse apportate al Fondo da Regioni o Province autonome o da altri enti e organismi pubblici.

Links
Decreto ministeriale del 5 giugno 2014 - Gazzetta ufficiale del 26 luglio 2014

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.