MSE: decisioni per il rilancio della Chimica

 
Chimica - Draw by Luigi ChiesaSi è tenuto presso il Ministero dello Sviluppo economico il Tavolo Nazionale sulla Chimica, al quale hanno partecipato i rappresentanti delle imprese e associazioni del settore e i sindacati nazionali di categoria e dove sono state concordate diverse decisioni per la ripresa nel settore. Il ministro Claudio Scajola ha dichiarato che  si  punta  "a salvaguardare la chimica di base del Paese e a rilanciare le eccellenze della chimica fine".
Nel raggiungimento degli obiettivi si dovrà comunque:
  • tutelare l’ambiente e il territorio,
  • riqualificare i processi produttivi,
  • bonificare e reindustrializzare i siti inquinati;
  • incentivare gli investimenti in Ricerca e Sviluppo;
  • favorire la riduzione dei costi energetici.
Queste le principali decisioni:
  1. attivare tavoli territoriali per accelerare l’attuazione degli accordi di programma già in essere (in particolare Priolo, Sardegna e Porto Marghera) e per varare nuovi accordi alcuni dei quali già in via di definizione;
  2. aprire un tavolo di confronto con Eni sul piano per la chimica e sui siti di maggiore interesse;
  3. sottoporre alla Conferenza Stato-Regioni il decreto per l’individuazione de 26 siti prioritari nel piano nazionale di bonifica e reindustrializzazione e portare al CIPE i primi 3-4 progetti immediatamente cantierabili;
  4. aumentare le risorse del bando “Nuove Tecnologie per il Made in Italy” con fondi europei PON e FAS per finanziare l’innovazione tecnologica del settore chimico;
  5. accelerare l’adeguamento ambientale delle imprese chimiche al Regolamento Europeo Reach, con l’apertura di uno sportello ad hoc prevista per l’8 giugno prossimo dotato di 120 milioni di euro;
  6. istituire un gruppo di lavoro per monitorare il recepimento delle disposizioni comunitarie finalizzate alla semplificazione delle procedure amministrative;
  7. varare interventi per ridurre il costo dell’energia per le imprese chimiche.
(Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico)
Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.