Web tax – le proposte della Commissione UE

 

Web taxLa web tax prende forma: ecco le proposte UE per introdurre nuove misure per garantire che tutte le imprese paghino la loro giusta quota di tasse.

Parlamento UE - tassazione comune anche per aziende digital economy

La Commissione europea ha proposto oggi nuove norme per garantire che le attività delle imprese digitali siano tassate in modo equo e favorevole alla crescita nell'UE, la cosiddetta web tax.

La proposta si articola in due riforme: la prima riguarda le norme UE in materia di imposta sulle società per le attività digitali, la seconda un'imposta temporanea su determinati ricavi di attività digitali.

Web tax - esiti consultazione UE, servono norme fiscali adeguate

Perchè una web tax

La recente espansione delle imprese digitali, come gli operatori di social media, le piattaforme di collaborazione e i fornitori di contenuti online, ha fortemente contribuito alla crescita economica nell'UE.

Tuttavia le normative fiscali attuali non sono state elaborate per queste imprese, che sono globali, virtuali o caratterizzate da una presenza fisica minima o inesistente. Il cambiamento è stato radicale: attualmente 9 delle 20 società più importanti al mondo per capitalizzazione di mercato sono digitali, rispetto a 1 su 20 dieci anni fa.

> Legge Bilancio 2018 - web tax, imposta su transazioni digitali

La sfida consiste nello sfruttare al meglio questa tendenza, garantendo nel contempo che anche le imprese digitali contribuiscano la loro giusta quota di tasse. Diversamente esiste un rischio reale per le entrate pubbliche degli Stati membri: attualmente le imprese digitali sono soggette a un'aliquota fiscale media effettiva pari alla metà di quella dell'economia tradizionale nell'UE.

La proposta della Commissione

Le proposte avanzate da Bruxelles rappresentano la risposta alla ricerca, da parte degli Stati membri, di soluzioni permanenti e durature volte a garantire una giusta quota di gettito fiscale dalle attività online, come richiesto d'urgenza dai leader dell'UE nell'ottobre 2017.

Gli utili realizzati mediante attività lucrative, come la vendita di dati e di contenuti generati dagli utenti, non sono presi in conto dalla normativa fiscale vigente. Gli Stati membri iniziano a cercare soluzioni rapide e unilaterali per tassare le attività digitali, il che crea un campo minato sotto il profilo giuridico e incertezza fiscale per le imprese.

Il pacchetto definisce un approccio coerente dell'UE a un sistema di tassazione del digitale che sostiene il mercato unico digitale e alimenterà il dibattito internazionale volto a risolvere la questione a livello globale.

Riforma delle norme UE in materia di imposta sulle società per le attività digitali

La prima proposta consentirebbe agli Stati membri di tassare gli utili generati sul loro territorio, anche nel caso in cui una società non vi abbia una presenza fisica. Con le nuove norme le imprese online contribuirebbero alle finanze pubbliche allo stesso livello delle imprese tradizionali.

Una piattaforma digitale sarà considerata una "presenza digitale" imponibile o una stabile organizzazione virtuale in uno Stato membro se soddisfa uno dei seguenti criteri:

  • supera una soglia di 7 milioni di euro di ricavi annuali in uno Stato membro;
  • ha più di 100mila utenti in uno Stato membro in un esercizio fiscale;
  • oltre 3mila contratti commerciali per servizi digitali sono conclusi tra l'impresa e utenti aziendali in un esercizio fiscale.

Le nuove norme cambieranno anche il modo in cui gli utili sono attribuiti agli Stati membri in modo da riflettere meglio le modalità con cui le imprese possono creare valore online: ad esempio, in funzione del luogo in cui l'utente si trova al momento del consumo.

In definitiva, il nuovo sistema garantisce un legame effettivo tra il luogo in cui gli utili sono realizzati e quello in cui sono tassati. La misura potrebbe essere successivamente integrata nel campo di applicazione della base imponibile consolidata comune per l'imposta sulle società (CCCTB), l'iniziativa che la Commissione ha già proposto per ripartire gli utili dei grandi gruppi multinazionali in un modo che tenga maggiormente conto del luogo in cui il valore è creato.

Imposta temporanea su determinati ricavi di attività digitali

La secondo proposta intende garantire che le attività attualmente non tassate inizieranno a generare un gettito immediato per gli Stati membri. L’imposta contribuirebbe anche a evitare che alcuni Stati membri adottino misure unilaterali per tassare le attività digitali, il che potrebbe condurre a una molteplicità di risposte nazionali che sarebbe dannosa per il mercato unico.

A differenza della riforma comune dell'UE sulla corrispondente normativa fiscale, questa imposta indiretta si applicherebbe ai ricavi generati da determinate attività digitali che sfuggono completamente al quadro fiscale attuale. Tale sistema si applicherà solo a titolo temporaneo, fino all'attuazione di una riforma globale integrata da meccanismi che limitino la possibilità della doppia imposizione.

L'imposta si applicherà ai ricavi ottenuti dalle attività in cui gli utenti svolgono un ruolo fondamentale nella creazione di valore e che sono i più difficili da quantificare con le norme fiscali attuali, come ad esempio i ricavi:

  • generati dalla vendita di spazi pubblicitari online;
  • generati da attività di intermediazione digitale che permettono agli utenti di interagire con altri utenti e che possono facilitare la vendita di beni e servizi tra di essi;
  • ottenuti dalla vendita di dati generati da informazioni fornite dagli utenti.

L'imposta sarà riscossa dagli Stati membri in cui si trovano gli utenti e si applicherà solo alle imprese con ricavi annui complessivi a livello mondiale di 750 milioni di euro e ricavi nell'UE di 50 milioni di euro. Questo contribuirà a far sì che le start-up e le scale-up più piccole siano esonerate dall'imposta. Secondo le stime, se sarà applicata a un'aliquota del 3%, l'imposta potrà generare entrate per gli Stati membri dell'ordine di 5 miliardi di euro all'anno.

Prossimi passi

Le proposte legislative saranno presentate al Consiglio per adozione e al Parlamento europeo per consultazione.

L'UE continuerà inoltre a contribuire attivamente al dibattito mondiale sulla tassazione dell'economia digitale nell'ambito del G20 e dell'OCSE e a sollecitare ambiziose soluzioni internazionali.

Commenti

Valdis Dombrovskis, commissario responsabile per l'Euro e il dialogo sociale, ha dichiarato: “La digitalizzazione offre innumerevoli benefici e opportunità, ma rende anche necessario adeguare le norme e i sistemi tradizionali. La nostra preferenza andrebbe a norme convenute a livello mondiale, anche in ambito OCSE. Tuttavia, l'importo degli utili attualmente non tassati è inaccettabile. Dobbiamo adeguare con urgenza la nostra normativa fiscale al 21º secolo mettendo in atto una nuova soluzione globale e adatta alle esigenze future”.

“L'economia digitale rappresenta una grande opportunità per l'Europa e l'Europa è una fonte di ingenti ricavi per le imprese digitali. Questa situazione, vantaggiosa per tutti, solleva tuttavia problemi giuridici e fiscali”, ha sottolineato Pierre Moscovici, commissario per gli Affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane. “Le nostre norme, elaborate prima dell'avvento di internet, non autorizzano gli Stati membri a tassare le imprese digitali operanti in Europa quando vi hanno una presenza fisica minima o inesistente. Questa situazione rappresenta un buco nero ancora più grande per gli Stati membri, in quanto la base imponibile viene erosa. Per questo proponiamo una nuova norma giuridica e un'imposta temporanea sulle attività digitali”.

"Definire regole che consentono di tassare adeguatamente le società operanti nell’economia digitale è una delle principali sfide globali. Tuttavia, in assenza di un consenso globale al livello G20/OCSE dobbiamo procedere al livello dell’Unione europea. L’accordo su un approccio coordinato a livello dell’intera UE, assicurerà l’integrità del Mercato digitale unico", si legge nella dichiarazione politica del G5 in risposta alle proposte della Commissione.

"Accogliamo con favore le proposte della Commissione europea pubblicate oggi. Continueremo a sostenere il lavoro in corso nell’ambito dell’Unione europea, nell’auspicio che fornisca un impulso alle discussioni al livello G20/OCSE, costituendo contestualmente una base per un’azione coordinata a livello UE finalizzata ad allineare efficacemente la tassazione dei profitti delle attività altamente digitalizzate con il luogo dove viene creato il valore. Il nostro prossimo passo consisterà nell’analizzare esaustivamente i dettagli delle proposte. Ci aspettiamo ora discussioni costruttive in sede di Consiglio al fine di giungere a un accordo quanto prima possibile".

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.