Etichette energetiche ed ecodesign - al via audit Corte dei conti UE

 

Etichette energetiche ed ecodesignLa Corte dei conti europea avvia un esame delle misure attuate dall’UE per la progettazione ecocompatibile e l’etichettatura energetica dei prodotti, anche per gli apparecchi domestici. In particolare, valuterà il contributo di tali misure all’efficienza energetica e agli obiettivi ambientali UE.

Economia circolare - a che punto e’ l’Europa

Nel quadro della lotta contro i cambiamenti climatici, l’UE si è impegnata a migliorare la propria efficienza energetica del 20% entro il 2020 e del 32,5% entro il 2030. Per contribuire al raggiungimento di questi obiettivi, la Commissione ha adottato una serie di misure incentrate su una progettazione dei prodotti più ecocompatibile e sull’informazione dei consumatori. A tal fine, sono stati stanziati circa 0,8 miliardi di euro per il periodo 2007-2020.

Pacchetto energia - cosa prevedono gli accordi UE

Etichette energetiche ed ecodesign: udit Corte dei conti UE

La progettazione ecocompatibile e l’etichettatura energetica dovrebbero essere complementari. Da un lato, i requisiti imposti dalla progettazione ecocompatibile promuovono l’innovazione e “spingono” il mercato ad abbandonare i prodotti meno efficienti. Dall’altro, le etichette energetiche aiutano i consumatori a prendere decisioni con maggior cognizione di causa, “attirando” così il mercato verso una maggiore efficienza energetica. La vigilanza esercitata sul mercato è quindi fondamentale per fare in modo che i prodotti siano conformi ai requisiti.

Gli attuali requisiti in materia di progettazione ecocompatibile coprono 30 gruppi di prodotti che vanno dalle lampade domestiche alle caldaie industriali a combustibile solido.

Economia circolare - Italia prima in Europa, ma non basta

A 13 di questi gruppi di prodotti si applicano, almeno in parte, anche le norme sull’etichettatura. L’audit esaminerà con quale efficacia le azioni dell’UE abbiano contribuito al conseguimento degli obiettivi ambientali e di efficienza energetica.

In particolare, la Corte si concentrerà sulla gestione, da parte della Commissione, delle misure in materia di progettazione ecocompatibile ed etichettatura energetica e sull’impatto delle azioni dell’UE sulle attività di vigilanza del mercato svolte dagli Stati membri.

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.