Decreto Crescita - incentivo per aggregazioni di imprese del Mezzogiorno

 

Incentivi impreseNella legge di conversione del decreto Crescita (legge n. 58-2019) spunta anche un nuovo incentivo fiscale a sostegno delle aggregazioni di imprese con sede nelle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Non solo super ammortamento: gli incentivi nella legge di conversione del decreto crescita

Il regime fiscale agevolato è stato introdotto in sede di conversione del decreto Crescita, con l'inserimento dell'articolo 44 bis, a favore delle aggregazioni di società con sede legale in una delle Regioni del Mezzogiorno alla data del 1° gennaio 2019 per le quali non sia stato accertato lo stato di dissesto o il rischio di dissesto oppure lo stato di insolvenza.

Decreto Crescita – come funziona il bonus Aggregazioni

Le operazioni agevolabili - deliberate dall’assemblea dei soci, o dal diverso organo competente per legge, entro 18 mesi dall'entrata in vigore della legge - sono quelle realizzate mediante fusione, scissione o conferimento di azienda o di rami di azienda riguardanti più società.

L'agevolazione consiste nella trasformazione delle attività per imposte anticipate (DTA) delle singole imprese in crediti di imposta, per un ammontare non superiore a 500 milioni di euro, a fronte del pagamento di un canone annuo determinato applicando l’aliquota dell’1,5% alla differenza tra le DTA e le imposte versate.

In particolare le DTA, che nascono dal disallineamento tra valutazioni di natura civilistica e norme fiscali, sono relative a:

  • perdite fiscali non ancora computate in diminuzione del reddito imponibile;
  • rendimento nozionale dell’aiuto alla crescita economica (ACE) eccedente il reddito complessivo netto;
  • componenti reddituali non ancora dedotti risultanti da situazioni patrimoniali approvate ai fini dell’aggregazione.

La società risultante dall’aggregazione deve esercitare l’opzione per la trasformazione delle DTA in crediti di imposta, e deve impegnarsi al versamento del canone previsto, entro la chiusura dell’esercizio in corso alla data in cui ha effetto l’aggregazione.

L'efficacia dell’opzione si ha a partire dall’esercizio successivo a quello in cui ha effetto l’aggregazione, mentre la trasformazione delle DTA in crediti d’imposta decorre dalla data di approvazione del primo bilancio della società risultante dall’aggregazione, nella misura del 25% delle DTA in esso iscritte, e per il restante 75% in quote uguali nei tre esercizi successivi a decorrere dalla data di approvazione del bilancio di ciascun esercizio.

Nuova Sabatini - cosa cambia con il decreto Crescita

Legge n. 58-2019 conversione del decreto Crescita n. 34-2019

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.