Bilancio UE post 2020 - fondi UE per i Digital Innovation Hub

 

Digital Innovation HubI poli di innovazione digitale, i cosiddetti Digital Innovation Hub (DIH), continueranno a beneficiare del supporto finanziario dell’UE anche nell’ambito del Quadro finanziario pluriennale post 2020. Ecco come.

Bilancio UE 2020: Consiglio pronto a negoziati con il Parlamento

Nel dettaglio la Commissione UE intende contribuire a rafforzare il ruolo dei poli di innovazione digitali finanziando interventi specifici tramite il prossimo programma quadro per la ricerca e l’innovazione, Horizon Europe, e il nuovo programma dedicato interamente al digitale, Digital Europe.

Fondi UE 2021- 2027: via a consultazione sul nuovo programma Digital Europe

Digital Innovation Hub, a che punto è l’UE

Come già annunciato nel 2016 dalla Commissione UE nell'ambito della strategia per la digitalizzazione dell'industria europea, i Digital Innovation Hub (DIH) svolgono un ruolo chiave nel supportare le imprese europee nella transizione verso un sistema produttivo 4.0.

I DIH promuovono infatti l’applicazione delle tecnologie digitali, dalla blockchain all’intelligenza artificiale, con l’obiettivo di innovare prodotti, servizi e processi e rafforzare la competitività dell’economia europea.

Per il periodo 2016-2020 l’UE ha deciso di investire con il programma Horizon 2020 ben 500 milioni di euro per i poli di innovazione digitale, dove le aziende possono ricevere consigli e sperimentare le innovazioni digitali.

Fondi UE post 2020 per i poli di innovazione digitale

Con i programmi UE post 2020, Horizon Europe e Digital Europe, proseguirà l’impegno dell’UE a sostegno dei Digital Innovation Hub.

In particolare il programma Horizon Europe supporterà progetti che coinvolgeranno i DIH insieme ad aziende altamente innovative per sviluppare soluzioni digitali destinate a migliorare le attività di business.

Digital Europe, invece, si concentrerà sul rafforzamento delle capacità dei poli e delle competenze digitali delle aziende e delle amministrazioni pubbliche, collaborando con i competence center europei e gli Stati membri. 

Questi ultimi saranno invitati a proporre un elenco di poli di innovazione digitale, che la Commissione UE selezionerà attraverso un bando ristretto; la call finanzierà progetti sperimentali e dimostrativi basati sull’intelligenza artificiale, il calcolo ad alte prestazioni e la cybersicurezza.

Gli Stati membri e le regioni potranno contribuire attivamente agli investimenti destinati ai DIH attingendo anche ai fondi strutturali, con l’obiettivo di favorire la realizzazione di progetti in linea con le esigenze specifiche del territorio.

Horizon Europe: consultazione su strategia per implementare il programma 

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.