Autotrasporto: 25 milioni per le imprese

 

Autotrasporto - Foto di Thomas H. da Pixabay Il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti mette a disposizione aiuti per 25 milioni di euro per le imprese di autotrasporto merci. Domande entro il 31 marzo 2020. 

Sharing mobility: a Milano bandi per monopattini, bici e scooter

Possono accedere agli incentivi le imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi attive sul territorio italiano, regolarmente iscritte al Registro elettronico nazionale (R.E.N.) e all’apposito albo, per il rinnovo e l’adeguamento tecnologico del parco veicolare, per l’acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale.

Trasporti: Confcommercio, le risorse ci sono ma non si spendono

25 milioni per rinnovare il parco mezzi, via alle domande

Sono finanziabili le acquisizioni, anche mediante locazione finanziaria:

  • di automezzi industriali pesanti nuovi di fabbrica a trazione alternativa a metano CNG, ibrida (diesel/ elettrico) e elettrica ( full electric) di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate e fino a 7 tonnellate, veicoli a trazione elettrica superiori a 7 tonnellate. Il contributo è determinato in 4mila euro per ogni veicolo CNG e a motorizzazione ibrida e in 10mila euro per ogni veicolo elettrico di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate ed in 20mila euro per ogni veicolo elettrico superiore a 7 tonnellate, considerando la notevole differenza di costo con i veicoli ad alimentazione diesel;
  • di automezzi industriali pesanti nuovi di fabbrica a trazione alternativa ibrida (diesel/elettrico), a metano CNG e gas naturale liquefatto LNG di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 7 tonnellate. Il contributo è determinato in 8mila euro per ogni veicolo a trazione alternativa ibrida (diesel/elettrico) e a metano CNG di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 7 tonnellate fino a 16 tonnellate ed in euro 20mila euro per ogni veicolo a trazione alternativa a gas naturale liquefatto LNG e CNG ovvero a motorizzazione ibrida (diesel/elettrico) di massa pari o superiore a 16 tonnellate;
  • di dispositivi idonei ad operare la riconversione di autoveicoli di massa complessiva pari a 3,5 tonnellate per il trasporto merci come veicoli elettrici, il contributo è determinato in misura pari al 40% dei costi ammissibili, comprensivi del dispositivo e dell’allestimento con un tetto massimo pari ad 1.000 euro.

L’importo massimo ammissibile per gli investimenti per singola impresa non può superare i 550mila euro

Le imprese interessate potranno presentare l’istanza, che avrà validità di prenotazione, fino al 31 marzo 2020.

Automotive: al MISE il primo mattone di una nuova politica industriale

Foto di Thomas H. da Pixabay 

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.