ERAvsCORONA, dall'UE dieci azioni per la ricerca su Covid-19

 

ERAvsCORONASostenere le imprese innovative, creare una piattaforma per condividere i dati sul Covid-19 e definire una task force per la ricerca. Sono solo alcune delle dieci azioni previste dal piano ERAvsCORONA realizzato dall'UE per mettere in atto, nel breve termine, interventi di ricerca e innovazione volti a contrastare la pandemia.

> Horizon 2020: bandi UE per ricerca su malattie in Africa, anche Covid-19

Il piano d'azione ERAvsCORONA - frutto del confronto tra la Commissione UE e i ministeri degli Stati membri - è stato accolto nei giorni scorsi dai ministri europei per la ricerca durante una riunione in videoconferenza.

La commissaria europea per la ricerca, Mariya Gabriel, ha dichiarato: "La ricerca e l'innovazione stanno fornendo la speranza e le conoscenze scientifiche di cui abbiamo bisogno per combattere il coronavirus. Per avere un impatto maggiore dobbiamo cooperare ancora più da vicino in tutta l'UE e oltre. Accolgo con grande favore il sostegno dato dai ministri alle prime azioni immediate del piano d'azione ERAvsCorona, che forniscono un'ottima base per coordinare, condividere informazioni, dati di ricerca e finanziare azioni prioritarie. Unire le forze ci renderà più forti nell'affrontare questo virus".

Coronavirus: dai droni alle app per monitorare i contagi, il ruolo della tecnologia

ERAvsCORONA, 10 azioni per la ricerca e l'innovazione

Nel dettaglio le azioni previste dal ERAvsCORONA sono:

  • coordinamento dei fondi per la ricerca e l'innovazione sul Covid-19, allo scopo di favorire la collaborazione tra diverse autorità nazionali;
  • sostenere con fondi ad hoc test clinici su larga scala per la gestione dei pazienti affetti dal coronavirus;
  • nuovi fondi per aiutare ricercatori e innovatori a trovare in tempi rapidi soluzioni rilevanti per la società, in ambito medico-sanitario ed economico;
  • aumentare il sostegno alle imprese innovative, con particolare attenzione alle aziende che hanno partecipato all'EIC Accelerator di Horizon 2020;
  • supportare le PMI/startup che - seppure non selezionate nell'ambito delle call dell'European Innovation Council - hanno presentato progetti innovativi rilevanti per la gestione dell'emergenza in corso con l'assegnazione del Seals of Excellence;
  • definire un punto di accesso unico per le opportunità di finanziamento di R&I sul Covid-19;
  • stabilire una task force di alto livello sulle attività di ricerca e innovazione legate al coronavirus;
  • mettere a disposizione della comunità scientifica i servizi delle infrastrutture di ricerca europee;
  • creare una piattaforma europea per lo scambio dei dati sul Covid-19, connessa all'European Open Science Cloud;
  • organizzare a fine aprile l'hackathon paneuropeo #EUnitedvsVirus.

Ricordiamo che in questi giorni l'UE ha attivato la piattaforma di matchmaking "Care & Industry together against CORONA" dedicata a imprese e centri di ricerca che offrono o cercano soluzioni per affrontare la crisi coronavirus. Registrandosi sulla piattaforma - che funziona come un brokerage event continuo fino al 31 dicembre 2020 - imprese e ricercatori possono inserire richieste/offerte di collaborazione commerciale, tecnologica, di ricerca e di investimento. 

Una volta compilati adeguatamente tutti i campi (in particolare la sezione Marketplace), il profilo sarà validato e sarà possibile richiedere incontri virtuali con gli altri enti registrati.

> Il ministero della Salute lancia un bando per la ricerca sul Covid-19

Per leggere il contenuto prego
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.