Reddito di emergenza: aperta nuova tranche di domande all'INPS

Tutte le novità sul reddito di emergenza: Photocredit: Mircea Iancu da Pixabay A partire da oggi, 10 novembre, sarà possibile presentare all'INPS la nuova domanda di Reddito di Emergenza, previsto dal decreto Ristori (dl n. 137-2020) anche per le mensilità di novembre e dicembre.

Come funzionano i contributi a fondo perduto Covid

Dal 10 al 30 novembre sarà aperta la nuova tranche di domande da presentare all'INPS per fruire del Reddito di Emergenza (REM), prorogato per ulteriori due mensilità - i mesi di novembre e dicembre 2020 - dal decreto Ristori (dl n. 137-2020).

REM: le novità nel decreto Ristori

Secondo il dl Ristori, potranno presentare la nuova domanda:

  • i nuclei che non hanno mai ottenuto il beneficio in precedenza, perché non hanno presentato la domanda o perché non è stato loro riconosciuto il beneficio;
  • i nuclei che hanno ottenuto solo il primo REM (quello introdotto dal decreto Rilancio) e non anche il secondo (quello previsto dal decreto Agosto). Per tutti i nuclei già beneficiari di questo secondo REM, infatti, il riconoscimento avverrà d’ufficio, senza necessità di presentare domanda.

Il riconoscimento delle quore del REM di novembre e dicembre 2020 sarà effettuato nel limite di spesa di 452 milioni di euro per l'anno 2020, a valere sul Fondo per il Reddito di emergenza istituito dal decreto Rilancio.

Reddito di emergenza: cos'è e a chi spetta

Il REM, introdotto dal decreto Rilancio, è una forma di sostegno straordinario destinato alle famiglie in difficoltà, per il quale sono stati stanziati 955 milioni di euro.

Questa misura eroga, in due quote, un contributo con un valore compreso (per ciascuna quota) fra i 400 e gli 800 euro. L’importo sale a 840 euro per le famiglie dove ci sono disabili gravi e persone non autosufficienti. 

Per poter accedere al reddito di emergenza i nuclei familiari devono possedere quattro requisiti obbligatori che dovranno essere dichiarati nella domanda e che saranno verificati dall’INPS. Si tratta di:

  • residenza in Italia
  • valore del reddito familiare, ad aprile 2020, inferiore al Rem che si riceve; 
  • valore del patrimonio mobiliare familiare nel 2019 inferiore a 10mila euro e che può arrivare a massimo 25mila euro a seconda del nucleo familiare (il valore infatti aumenta di 5mila euro per ogni componente, fino ad un massimo di 20mila euro, e può essere incrementato di ulteriori 5mila euro per ogni familiare disabile presente nel nucleo); 
  • ISEE inferiore a 15mila euro

ll reddito di emergenza, però, non sarà dato a quelle famiglie dove ci sono persone che percepiscono (o hanno percepito) altre forme di sostegno previste dal Governo per contrastare l’emergenza Coronavirus, incluso il bonus colf e badanti e le misure previste per i lavoratori autonomi e in particolare:

  • Lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO;
  • Liberi professionisti titolari di partita IVA, iscritti alla Gestione separata;
  • Lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, iscritti alla Gestione separata;
  • Lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali, anche somministrati;
  • Lavoratori settore agricolo;
  • Lavoratori dello spettacolo;
  • Lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;
  • Lavoratori intermittenti;
  • Lavoratori autonomi, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie;
  • Incaricati alle vendite a domicilio.

Il reddito di emergenza, non sarà erogato neanche a quelle persone che hanno un contratto di lavoro dipendente (con uno stipendio lordo superiore al reddito familiare). Nel caso di lavoratori in cassa integrazione, la verifica del requisito viene effettuata sulla base della retribuzione teorica del lavoratore (desumibile dalle denunce aziendali). Questo significa ad esempio che un lavoratore in cassa integrazione che vive da solo e nel mese di presentazione della domanda ha una retribuzione teorica superiore a 400 euro, non potrà ricevere il REM.

Il reddito di emergenza, inoltre, non spetta alle famiglie dove c’è un componente che riceve la pensione, indipendentemente dall’importo. Discorso analogo per l’assegno sociale. L’unica eccezione è rappresentata dall’assegno di invalidità.

Il REM, infine, non è compatibile con il Reddito o la Pensione di cittadinanza.

Reddito cittadinanza: INPS, quante domande sono state accettate

Reddito di emergenza: come richiederlo

Come illustra la circolare Inps n. 69 del 3 giugno 2020, il REM può essere richiesto in tre modi:

  • Sul sito internet dell’Inps, autenticandosi con PIN, SPID, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di Identità Elettronica;
  • Tramite i patronati;
  • Tramite i centri di assistenza fiscale (i caf), previa stipula di una apposita convenzione con l’Inps.

La domanda, specifica ancora la circolare 69-2020, deve essere presentata da uno dei componenti del nucleo familiare (individuato come il richiedente il beneficio) per conto di tutto il nucleo familiare.

A differenza delle precedenti mensilità - che vedevano la possibilità di erogare il beneficio tramite bonifico bancario/postale, accredito su Libretto postale o bonifico domiciliato - per questa quarta mensilità "il ristoro arriverà sul conto corrente attraverso un bonifico dell’Agenzia delle Entrate, il metodo più rapido sperimentato finora", ha spiegato il premier.

> Per approfondire: le misure per le famiglie previste dal decreto rilancio

I numeri del REM su domande e beneficiari

Secondo i dati ISTAT, al 30 giugno 2020, hanno fatto domanda 455mila nuclei familiari. I 209mila nuclei percettori cui è già stato erogato il bonus, spiega la titolare del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, "si traducono in oltre 500mila persone che hanno ricevuto un sostegno concreto grazie a questa misura introdotta con il decreto Rilancio".

Le regioni con il maggior numero di beneficiari sono state la Campania (18,4%), la Sicilia (16,1%) e il Lazio (11%). Inoltre, la distribuzione geografica delle domande pervenute - in tutto 455mila - rispecchia in gran parte quanto già osservato per le richieste del Reddito di cittadinanza: una concentrazione maggiore nelle regioni del Sud e nelle Isole, pari al 48% del totale; segue il Nord con il 33% e, infine, il Centro Italia con il 19%.

Consulta il testo del decreto Ristori in Gazzetta ufficiale - Decreto legge n. 137-2020

Photocredit: Mircea Iancu da Pixabay 

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.