Agricoltura: Bruxelles aumenta anticipi PAC e contributi PSR

 

Pagamenti pac - Photo credit: Foto di RitaE da PixabayLa Commissione europea ha adottato un nuovo intervento per favorire la liquidità nel settore agricolo, alle prese con le conseguenze delle condizioni meteorologiche avverse in tutta l'UE, oltre che con l'impatto della crisi Covid.

Verso il Piano strategico nazionale PAC dell'Italia

La misura, che permetterà agli Stati membri di erogare agli agricoltori anticipi maggiorati sia sui pagamenti diretti della Politica agricola comune (PAC) che con riferimento ai contributi di alcune misure dei Programmi di sviluppo rurale è in continuità con gli altri interventi messi in campo da Bruxelles per aumentare il flusso di cassa degli agricoltori dall'inizio dell'emergenza epidemiologica.

Tra questi, oltre all'incremento degli anticipi PAC, applicato già nel 2020, maggiore flessibilità relativamente ai tempi di presentazione delle domande, agli oneri amministrativi e ai controlli, la concessione di aiuti forfettari agli agricoltori e l'attivazione di misure di mercato specifiche, come l'ammasso privato nel settore lattiero-caseario e il pacchetto di interventi a sostegno del settore vitivinicolo recentemente prorogato fino a metà ottobre 2021.

Nello specifico, con la nuova decisione, la Commissione ha autorizzato la concessione di anticipi fino al 70% dell'importo spettante, anziché fino al 50% per i pagamenti diretti, e fino all'85% (dal 75%) per i contributi dello sviluppo rurale.

Il regolamento che deroga anche per il 2021 alle regole sugli anticipi PAC e PSR entra in vigore il terzo giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta ufficiale europea, avvenuta il 5 agosto.

I pagamenti potranno essere erogati dagli Stati membri, una volta espletate le verifiche previste, a partire dal 16 ottobre 2021.

Per approfondire: Agrifood: Bruxelles, nuove misure a sostegno del settore

Consulta il Regolamento di esecuzione (UE) 2021/1295 della Commissione del 4 agosto 2021 recante deroga, per l’anno 2021, all’articolo 75, paragrafo 1, terzo comma, del regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto concerne il livello degli anticipi per i pagamenti diretti e per le misure di sviluppo rurale connesse alla superficie e agli animali

Per leggere il contenuto prego
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.