Superbonus 110: proroga unifamiliari approvata

 

Photocredit: Daniele Longo en Pixabay Dopo il pressing di questi mesi, la legge di conversione del decreto Aiuti ha prorogato il superbonus 110 per gli interventi sulle unifamiliari. Slittano quindi di tre mesi i termini per raggiungere quel SAL del 30% che permette di godere dell’agevolazione fino alla fine del 2022.

Cosa prevede il DL Aiuti?

Alla fine la proroga del superbonus per le unifamiliari è arrivata nella conversione in legge del DL 50-2022 che ha messo mano anche all’annosa questione della cessione del credito.

Da un lato infatti è stato stabilito che, per le villette, la detrazione del 110% spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022, a condizione che alla data del 30 settembre 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo. Dall’altro il DL 50-2022 ha stabilito che le banche possono sempre cedere il credito a favore di soggetti diversi dai consumatori o utenti.

Cosa prevede le Legge di Bilancio 2022 sui bonus edilizi?

Superbonus proroga unifamiliari: ultime notizie

La proroga del superbonus per le unifamiliari contenuta nel decreto Aiuti interviene quindi solo su una delle due scadenze previste per le villette: quella che riguarda il SAL del 30% dei lavori che, se conseguito, permette di arrivare a fine 2022. Da adesso in poi, infatti, la scadenza per conseguire il 30% passa dal 30 giugno al 30 settembre 2022.

Non cambia invece la deadline finale del 31 dicembre 2022 che continua a rimanere il termine ultimo per chiudere i cantieri e beneficiare del superbonus, qualora si stiano facendo i lavori su edifici unifamiliari.

Per le villette - lo ricordiamo - il superbonus 110% è, previsto a vantaggio delle persone fisiche indicate nella lettera b) del comma 9 dell’art. 119 del DL 34-2020.

Più nello specifico, per quanto concerne la tipologia di immobili, il superbonus 110 per le villette riguarda solo gli immobili residenziali, inclusi quelli che diventeranno tali dopo la conclusione dei lavori (con un cambio di destinazione d’uso esplicitamente indicato nel titolo abilitativo).

Per quel che riguarda invece gli interventi ammessi, le unifamiliari possono beneficiare del superbonus in caso di lavori “trainanti” antisismici e di efficientamento energetico, nel rispetto dei seguenti massimali di costo:

  • 50.000 euro per la coibentazione termica;
  • 30.000 euro per la sostituzione dell’impianto di riscaldamento;
  • 96.000 euro per gli interventi antisismici.

Previsti infine una serie di requisiti da rispettare per accedere all’agevolazione. Nel caso degli interventi di efficientamento energetico (ecobonus 110),  il miglioramento conseguito alla fine dei lavori deve essere pari ad almeno due classi energetiche. Per quanto riguarda invece il sismabonus 110, il fabbricato deve essere ubicato in una delle zone sismiche 1, 2 o 3.

Cessione del credito: le novità del DL Aiuti

Oltre a prorogare i termini del superbonus per le unifamiliari, la legge di conversione del decreto Aiuti ha messo mano anche alla cessione del credito.

L’articolo 14 del DL 50-2022, infatti, ha disposto che alle banche (ovvero alle società appartenenti ad un gruppo bancario iscritto all’albo tenuto dalla Banca d'Italia) è sempre consentita la cessione a favore di soggetti diversi dai consumatori o utenti.

Nel concreto stiamo parlando di tutti quei soggetti che non sono persone fisiche che agiscono per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale e che hanno stipulato un contratto di conto corrente con la banca stessa (ovvero con la banca capogruppo) senza facoltà di ulteriore cessione. In tal modo per le banche è possibile cedere il credito a tutti i soggetti loro clienti quindi a: società, professionisti e partite Iva (con la sola eccezione dei consumatori).

Le nuove norme in materia di cedibilità del credito si applicano solo alle comunicazioni della prima cessione o dello sconto in fattura inviate all'Agenzia delle entrate a partire dal 1° maggio 2022.

Photocredit: Daniele Longo en Pixabay 

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.