Bollette, il punto sul bonus sociale

 

Bonus sociale bollette - Foto di Mike van Schoonderwalt da PexelsIl decreto Aiuti bis dovrebbe ridefinire il bonus sociale: un incentivo, legato all’Isee, per assicurare un risparmio sulla spesa dell'energia alle famiglie in condizione di disagio economico. 

Il punto sugli aiuti alle imprese contro il caro energia

Verso una riconferma anche per il quarto trimestre 2022 del bonus sociale luce e gas, ma con un importante restyling della platea dei beneficiari.

Il decreto Aiuti bis, infatti, dovrebbe estendere il concetto di clienti più 'vulnerabili' a cui spetta il contributo, includendo in questa categoria le persone in condizioni economicamente svantaggiate, i soggetti con disabilità, le persone con utenze nelle isole minori non interconnesse o ubicate in strutture abitative di emergenza a seguito di calamità e gli over 75.

Proprio per tutelare questa clientela, il nuovo provvedimento dovrebbe prevedere dal 1° gennaio 2023 la fornitura di gas naturale a un prezzo che rifletta tra l'altro il costo effettivo di approvvigionamento nel mercato all'ingrosso. 

A difesa di tutti gli utenti, inoltre, sino al 31 ottobre dovrebbe essere sospesa la possibilità per i fornitori di modificare unilateralmente i contratti. Si attendono invece novità sull’azzeramento degli oneri generali di sistema per il quarto trimestre dell'anno e, in particolare, sul limite ISEE o reddituale di riferimento per l’applicazione.

Ecco tutto quello che c'è da sapere sul sussidio, noto anche come bonus bollette, destinato alle famiglie meno fortunate.

Come funziona il bonus sociale sulle bollette? 

Il bonus sociale è uno sconto sulla bolletta, previsto dal Governo e reso operativo dall'ARERA, per la fornitura di energia elettrica e gas in favore dei nuclei familiari economicamente svantaggiati.

Chi ha diritto al bonus luce e gas 2022?

Per ottenere il bonus sociale per disagio economico è necessario appartenere ad:

  • un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 12mila euro, valore di accesso per il periodo 1° aprile - 31 dicembre 2022. Solo per il periodo 1° gennaio - 31 marzo 2022, il tetto ISEE ammissibile è fino a 8.265 euro;
  • un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20mila euro;
  • un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Nell'eventualità che in casa viva un soggetto in gravi condizioni di salute, la famiglia può richiedere anche il bonus sociale per disagio fisico. Si tratta di un sussidio riservato ai clienti domestici, in possesso di specifici requisiti, per l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali che comportano un elevato consumo di energia elettrica.

A quanto ammonta il bonus sociale?

Il valore del bonus sociale elettrico, che viene determinato e aggiornato periodicamente dall'ARERA, dipende dal numero di componenti del nucleo familiare ISEE indicati nella DSU.

Con riferimento al primo trimestre 2022 l'Autorità, con la delibera 635/21, ha introdotto un 'bonus integrativo', che va ad aggiungersi al sussidio ordinario (che rimane per ora invariato rispetto a quello del 2021). Al seguente link è possibile trovare la tabella riepilogativa degli importi, al momento aggiornata con i valori al secondo trimestre 2022.

Come ottenere il bonus bollette 2022?

Il bonus sociale per disagio economico viene riconosciuto automaticamente in bolletta. Chi rispetta i requisiti necessari deve soltanto presentare ogni anno la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), tramite ad esempio il Comune, i CAF o il sito INPS, al fine di ottenere l'attestazione ISEE utilizzata per accedere alle varie prestazioni sociali agevolate. 

Come cambia il bonus sociale nel decreto Aiuti?

Per mitigare l'impatto del caro energia sulle famiglie, il decreto Aiuti (dl n.50-2022) ha stabilito la rideterminazione per il terzo trimestre 2022 del bonus sociale. Questo ricalcolo, che sarà compiuto da parte dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), ha come obiettivo quello di mantenere inalterata la spesa per i clienti agevolati rispetto al trimestre precedente.

L'agevolazione spetta anche per il primo trimestre 2022, ma nei limiti della soglia ISEE pari a 8.265 euro, inferiore a quella attuale fissata a 12mila euro. L’ARERA dovrà predisporre una specifica comunicazione da allegare alle fatture per i clienti domestici, contenente le modalità per poter fruire dei bonus e i recapiti telefonici cui rivolgersi.

Come funziona il bonus 200 euro in busta paga?

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.