Toscana: approvato il Piano energetico regionale (PIER) 2007-2010

 
La Giunta Regionale ha approvato il Piano energetico regionale (PIER) 2007-2010 in cui sono previsti investimenti ed agevolazioni per enti locali, cittadini e imprese, con la compartecipazione dei privati, pari a 500 milioni di euro, 252 dei quali saranno impiegati entro il 2010; 21 milioni sono destinati alla ricerca.

Il Piano contiene previsioni fino al 2020, visto che entro quella data la Regione intende centrare i tre obiettivi europei: ridurre del 20% i consumi e le emissioni di gas serra, aumentare della stessa quota l’energia prodotta con fonti rinnovabili.

Tra le novità introdotte figurano:

  • una maggiore semplificazione amministrativa (uniformando le norme di settore dei regolamenti edilizi comunali), con la possibilità di presentare la sola dichiarazione di inizio attività per l’installazione di micro e mini impianti eolici, fotovoltaico e per il solare termico,
  • un ruolo maggiore per le Province, chiamate a redigere propri Piani energetici, e per i Comuni, che dovranno individuare le aree nelle quali sarà possibile collocare gli impianti industriali alimentati ad energia rinnovabile e quelle in cui sarà escluso farlo,
  • un Piano dell’eolico, per individuare 15-25 siti idonei ad ospitare parchi eolici, procedure semplici e veloci per lo sviluppo del fotovoltaico.  

In termini numerici la Regione prevede una crescita:

  • dell’eolico di oltre 10 volte,
  • del solare termico di oltre 12,
  • del fotovoltaico di oltre 50 e contemporaneamente del 28% della geotermia secondo l’accordo sottoscritto con Enel,
  • e, se le indagini avranno esito positivo, del 31% dell’idroelettrico, fino al 240% delle biomasse.

Perno centrale della riduzione delle emissioni (capace da solo di abbattere 2 milioni di tonnellate di anidride carbonica, cioè il 30% dell’obiettivo fissato dal Piano) è la riconversione a metano delle due centrali Enel a olio combustibile di Livorno (300 megawatt) e Piombino (1200 Mw) - come è stato fatto a Cavriglia - e allineando questi impianti al nuovo Rosen 2 di Rosignano. L’occasione è rappresentata dall’arrivo del metanodotto algerino Galsi e dall’attivazione di un solo rigassificatore al largo delle coste livornesi.

Il Piano favorirà la nascita di un’industria toscana delle rinnovabili, potenziando la formazione, gli investimenti nel settore, creando un network tra enti pubblici, università e imprese.
(Fonte: Regione Toscana)

Per leggere il contenuto prego
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.