Piemonte: investimenti nella formazione professionale dei lavoratori

 
La Giunta approva le direttive 2008-2010 per le azioni a sostegno della formazione professionale per i lavoratori delle imprese e degli enti piemontesi che, di propria iniziativa, intendano aggiornarsi, qualificarsi o riqualificarsi partecipando a corsi scelti tra le opportunità previste nel sistema formativo regionale. La Regione investe 18 milioni di euro, per le azioni a sostegno della formazione individuale dei lavoratori e 6 milioni di euro per la formazione di iniziativa aziendale.

Le attività previste dalle direttive sono rivolte da un lato alle agenzie formative, ai consorzi e alle imprese che intendano formare i propri lavoratori chiamati a partecipare a piani di formazione, dall’altro a tutte quelle persone occupate e disoccupate indicate dai servizi per l’impiego della regione a cui interessa rafforzare le proprie competenze in campo informatico, tecnologico, linguistico, organizzativo, gestionale e manageriale e dei servizi alla persona.

A parziale copertura dei costi di partecipazione, la direttiva offre ai lavoratori in situazione di particolare disagio, dei buoni di partecipazione per un importo massimo complessivo di 3mila euro, spendibili nell’arco di un triennio per la partecipazione ai corsi presenti nei cataloghi provinciali dell’offerta formativa.

Ogni provincia è responsabile della gestione e organizzazione delle attività e, tenendo conto dei fabbisogni di professionalità rilevati nel proprio ambito territoriale e delle direttive della Regione, definirà le tipologie dei corsi e i profili formativi su cui orientare la formazione.
(Fonte: Regione Piemonte)

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.