Campania: 133mln di euro in tre anni per il secondo aggiornamento del Paser

 
La Giunta Regionale della Campania ha approvato il secondo aggiornamento del Piano d'azione per lo Sviluppo Economico Regionale (Paser), strumento di pianificazione economica triennale varato per il rilancio del sistema economico e produttivo. Stanziati 133 milioni di euro per creare nuove opportunità di impiego dedicate a giovani e donne, per investimenti nelle energie rinnovabili e per le nuove tecnologie di smaltimento dei rifiuti.
Tra i principali nuovi interventi sono previsti: 30 milioni di euro (tra risorse PASER e Fondi del Programma Operativo FSE 2007-2013 Asse II Occupabilità) per l'attivazione di un bando finalizzato all'erogazione di "borse lavoro" destinate a 5000 giovani e il via libera al Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR), che definisce gli obiettivi delle politiche energetiche regionali e di riduzione delle emissioni al 2013 e al 2020, coerentemente con gli obiettivi europei e nazionali.

Le linee guida sono:

  • promozione della crescita e della competitività del sistema produttivo;
  • rafforzamento delle infrastrutture a supporto del sistema produttivo;
  • consolidamento del tessuto imprenditoriale e ampliamento della base produttiva;
  • sostegno alla razionalizzazione della struttura patrimoniale delle imprese;
  • promozione del sistema produttivo su scala nazionale e internazionale;
  • rafforzamento dell'azione pubblica a favore del sistema produttivo.

I settori strategici di intervento passano da 7 a 9. Oltre ad agroindustria, biotecnologie, mezzi di trasporto, aeronautico/aerospaziale, biomedicale, cantieristica navale e industria della vela e ICT per logistica, il Paser 2008 prevede anche i settori della filiera tecnologica per le fonti rinnovabili e delle tecnologie per riutilizzo, valorizzazione e riciclo dei rifiuti.

Per il bando finalizzato all'erogazione di "borse lavoro" i beneficiari saranno giovani di età compresa tra i 18 e 32 anni aventi una qualifica professionale o un diploma o una laurea (fino a 35 anni se disoccupati da almeno 24 mesi). Il bando dovrà prevedere l'inserimento del borsista nell'impresa ospitante per la durata di mesi 6-12 e un bonus ulteriore per le successive e conseguenti assunzioni a tempo indeterminato.

Altro ambito di intervento sarà la promozione dell'apprendistato e il sostegno alla crescita della competitività delle PMI artigiane, per il quale sono previsti, anche in convenzione con Enti bilaterali, incentivi diretti a sostenere la creazione di nuovi posti di lavoro nel settore artigiano, con priorità al personale femminile, giovanile e appartenente a categorie svantaggiate, nelle forme e nelle modalità previste dai contratti di apprendistato.

Gli obiettivi del PEAR (Piano Energetico Ambientale Regionale) sono:

  • contenimento del fabbisogno energetico e delle emissioni mediante il potenziamento delle fonti rinnovabili;
  • il miglioramento dell'efficienza energetica e nella distribuzione dell'energia;
  • riduzione dei costi energetici per le famiglie e le imprese;
  • miglioramento nella sicurezza e nella qualità dell'approvvigionamento energetico;
  • promozione della crescita competitiva dell'industria regionale dei servizi energetici e delle nuove tecnologie, in particolare della piattaforma eco-tecnologica del Mediterraneo relativa alle filiere del fotovoltaico, del solare e del solare termodinamico;
  • promozione del mercato locale della CO2 e di modelli di governance economica e territoriale;
  • comunicazione, partecipazione e condivisione sociale ai processi di sviluppo territoriale e locale.

Le risorse del Paser vanno ad aggiungersi ai 965 milioni del PO FESR (Piano Operativo dei Fondi Europei per lo Sviluppo Regionale) e ai 290 milioni di euro del PO FSE (Piano Operativo del Fondo Sociale Europeo) nell'ambito della programmazione 2007-2013.
(Fonte: Economia Campania) 

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.