Molise: 112 milioni di euro per la programmazione integrata territoriale

 

Molise - foto di Wild About TravelSono 15 i progetti di programmazione integrata territoriale, per complessivi 112 milioni di euro, previsti dalla Strategia integrata per lo sviluppo locale che verrà approvata dalla Giunta regionale con la sottoscrizione dei 136 sindaci molisani. Nello specifico saranno firmati 5 Piani integrati per lo Sviluppo Urbano (PISU), relativi alle aree urbane di Campobasso, Termoli, Isernia, Venafro e Basso Molise; 2 Piani integrati per lo sviluppo territoriale (PIT); 7 Programmi per le aree interne (PAI) e un altro Programma per le aree interne relativo alla cultura.

Fra questi, il PISU 'Innovazione e governance', volto a migliorare la qualità dell'ambiente urbano, valorizzare il patrimonio storico-culturale e i centri storici dei comuni molisani a ridosso dell'Adriatico. Un progetto che nasce da un percorso di condivisione e da un'idea di sviluppo dell'area del Basso Molise volta a sviluppare il sistema turistico costiero e a migliorare la qualità dei servizi pubblici locali.

Otto i Comuni interessati dagli interventi in questione - Campomarino, Guglionesi, Montecilfone, Montenero di Bisaccia, Petacciato, Portocannone, San Giacomo degli Schiavoni e San Martino in Pensilis - per un ammontare complessivo di 7,4 milioni di euro. Fondi che, nello specifico, saranno destinati alla realizzazione di interventi infrastrutturali nel settore della valorizzazione del patrimonio storico-culturale, a interventi di riqualificazione ambientale, ma anche all'attivazione di politiche occupazionali a favore dei giovani.

Un altro progetto integrato coinvolgerà la città di Campobasso e i Comuni di Baranello, Busso, Campodipietra, Ferrazzano, Matrice, Mirabello Sannitico, Oratino, Ripalimosani, San Giovanni in Galdo e Vinchiaturo. Il titolo, esemplificativo, è 'Campobasso città allargata': avrà una dotazione finanziari di oltre 12 milioni di euro per il miglioramento della qualità e dell'attrattività dei contesti urbani, in una logica di valorizzazione e riqualificazione delle aree urbane e dei centri storici, di realizzazione di interventi per l'efficienza energetica e per il miglioramento della qualità dei servizi pubblici.

Fra i progetti che rientrano nei programmi per le aree interne, quello intitolato 'Governance e accoglienza del Castellelce', che riguarda i comuni di Mafalda, Castelmauro, Montemitro, Guardialfiera, Acquaviva Collecroce, Tavenna, Lupara, Palata e San Felice del Molise. Complessivamente, circa 4 milioni di euro verranno destinati allo sviluppo del territorio dell'area del Castellelce e dei nove Comuni che hanno aderito al partenariato del progetto territoriale.

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.