PNRR e banda ultralarga: aperta la consultazione sul Piano Italia a 1 Giga

 

Piano Italia 1 GigaSi tratta del primo intervento previsto dalla Strategia italiana per la banda ultralarga, collegato al Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) per garantire la transizione digitale del paese.

Dal 5G al Piano voucher: cosa prevede la Strategia italiana per la banda ultralarga

Il Piano Italia a 1 Giga sostiene la realizzazione di infrastrutture in banda ultralarga per assicurare la connettività ad almeno 1 Gigabit/s sull’intero territorio nazionale al 2026, collegando i civici delle unità immobiliari nei quali non è presente, né lo sarà nei prossimi cinque anni, alcuna rete idonea a fornire connettività stabile ad almeno 300 Mbit/s in download.

Dal PNRR le risorse per il Piano Italia a 1 Giga: partecipa alla consultazione

Il Recovery plan, che stanzia complessivamente 6,7 miliardi di euro per il raggiungimento degli obiettivi della Strategia italiana per la banda ultralarga, costituisce la base giuridica del Piano Italia a 1 Giga, cui sono allocati circa 3,8 miliardi di euro.

Scopo del Piano è promuovere, tramite intervento pubblico, investimenti in reti a banda ultralarga che consentano di garantire a tutti gli utenti una velocità di connessione in linea con gli obiettivi europei della Gigabit society e del Digital Compass.

Per l'intervento pubblico è stato proposto un modello “ad incentivo” (gap funding) perché più idoneo ad incentivare le imprese nel completamento delle reti, al fine di raggiungere la copertura di tutte le unità immobiliari, mediante l’impiego delle risorse del PNRR previste per il Piano.

La scelta del modello di intervento ad incentivo, da attuare nelle aree considerate a fallimento di mercato, prevede la selezione – attraverso gare d'appalto - di operatori che potranno presentarsi in forma individuale o associata, allo scopo di realizzare nelle aree interessate e a fronte di un contributo pubblico determinato come percentuale massima sul costo complessivo delle opere, le infrastrutture di rete che, una volta completate, rimarranno di loro proprietà.

La consultazione pubblica sul Piano Italia a 1 Giga è aperta fino alle ore 13.00 del 15 settembre 2021; i soggetti interessati potranno presentare eventuali osservazioni all’indirizzo e-mail: Italia1Giga_consultazione@governo.it

Configurandosi come un aiuto di stato ai sensi dell’articolo 107(1) TFUE, il Piano sarà notificato alla Commissione europea e la relativa decisione di autorizzazione sarà parte integrante della base giuridica dell’intervento stesso.

Partecipa alla consultazione

Per leggere il contenuto prego
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.