Quali politiche per le imprese europee?

 

Industry - Foto di BaytownbertE' stato presentato ieri nel corso di un evento a Bruxelles il volume "Industrial policies in Europe. Public supply and private demand", a cura della MET - Monitoraggio Economia e Territorio. Lo studio raccoglie i risultati di una ricerca condotta da Raffaele Brancati e Andrea Maresca sul tema delle politiche industriali in Europa con particolare riferimento all'Italia, alla Francia, alla Germania e alla Spagna.

Obiettivo generale del lavoro è quello di ricostruire le esigenze delle imprese "cercando di cogliere possibili aree di interesse per la politica economica, al di là della pura e semplice erogazione di fondi".

Lo studio è composto da tre capitoli, di cui il primo si concentra sul contesto italiano cercando di fornire un quadro dei vantaggi competitivi e delle strategie messe in atto dalle aziende, quanto dei fattori che ne limitano lo sviluppo e della domanda di policy.

In particolare sono state individuate sei aree rilevanti per la politica industriale:

  1. Mercato e internazionalizzazione;
  2. Vantaggi competitivi e influenza dei fattori esterni all'impresa (sistema locale, infrastrutture);
  3. Dinamismo e investimenti;
  4. Innovazione e ricerca;
  5. Finanza e capitalizzazione;
  6. Giudizio sui contributi e prospettive sugli strumenti.

Il secondo capitolo riguarda l'analisi del quadro europeo, realizzata attraverso la lettura di fonti statistiche e di dati ottenuti mediante un'indagine campionaria pilota svolta in Francia, Germania e Spagna.

Infine, l'ultimo capitolo propone un quadro dei flussi di aiuti alle imprese europee e riflessioni di carattere più generale sul ruolo della politica industriale, sugli indirizzi da adottare e sulle modalità più efficaci per la loro attuazione.

Industrial policies in Europe. Public supply and private demand.

Per leggere il contenuto prego
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.